Codice
D028
Azienda
Dolci di Mario Dolci e Figli snc
Sede principale (Provincia/Città Met.)
Verona
Regione
VENETO
Settore Merceologico
Alimentari - Produzione/Distribuzione
Marchio protagonista dell'opera
Mario Dolci e Figli
Titolo completo dell'opera
La fabbrica del colore
Anno di pubblicazione
2010
Lingua/e
Italiano
Editore
nd
Agenzia/Studio Grafico/Graphic Designer
Studio Berardinelli, Grafiche Aurora srl
ArtDirector/Responsabile Editoriale/Curatore
Davide Antolini, Enzo e Raffaello Bassotto
Copywriter, Autore/i, Redattore/i
Davide Antolini, Federico Bellomi
Archivi, ricerca storica e/o iconografica
nd
Fotografo/i
nd
Illustratore/i
Davide Antolini
Elaborazione Immagini, Prestampa
nd
Stampa
Grafiche Aurora srl
Numero di pagine
80
Formato cm (b x h)
24,3x30
Tipo di Confezione/Rilegatura
Brossura con cucitura a filo refe
Descrizione della copertina
Carta patinata o cartoncino mono/bipatinato stampato con tecnica mista, con alette
Astuccio, custodia o cofanetto
No
Carta utilizzata (pagine interne)
Carta Patinata opaca
Piattaforma creativa
Monografia realizzata in occasione del centenario della fabbrica di colori in polvere Mario Dolci e Figli di Verona (1910-2010). La ditta Dolci, in fedeltà alla ricerca, al reperimento ed alla lavorazione dei materiali originali, svolge una continua attività di informazione e di divulgazione delle tecniche tradizionali.
Descrizione dei contenuti
Opera fotografica che racconta della ditta Dolci che utilizza ancora oggi, per vari e particolari tipi di produzione, rare terre colorate naturali, strumenti datati e materiali antichi per genuina convinzione dovuta a sperimentazione, esperienza e cultura. All'interno troviamo le fotografie dei fratelli Bassotto che ci riportano i mulini macina-pigmenti, i barattoli ruggini colmi di terre da calcinare. Sono vere fotografie di veri fotografi che ci mostrano degli oggetti, ce ne mostrano l'esistenza.
Descrizione formale
Volume di medie dimensioni, d'impatto la copertina con la fotografia di una parte interna dell'azienda. Il colore predominante, ripreso anche all'interno è il rosso.
Luogo di conservazione
Archivio OMI