Numero:  Z011
Azienda:  Zintek Srl
Sede principale (Provincia):  Venezia
website:  http://www.zintek.it
Settore:  Edilizia, Architettura e Urbanistica – Prodotti, Macchinari e utensili – Produzione/Commercializzazione
Marchio protagonista:  Zintek
Titolo Completo:  Progetto Porto Marghera
Anno di pubblicazione:  2012
Lingua/e:  Italiano e Inglese
Numero di pagine:  96
ArtDirector/Responsabile Editoriale/Curatore: n.d.
Agenzia/Studio Grafico/Editore:  Marsilio editori spa
Copywriter/Redattore:  n.d.
Ricerca storica e/o fotografica:  Fotoexpress di Francesco Grigolini, Archivio Zintek srl, Patrizio Martinelli, Erika Rutter, State of Art per Arte Marghera spa
Fotografo/i:  n.d.
Illustratore:  n.d.
Prestampa/Elaborazione Immagini:  n.d.
Stamperia:  Grafiche Nardin, Cavallino-Treporti
Formato:  18×22
Tipo di Confezione:  Brossura con cucitura a filo refe
Descrizione della copertina:  Carta patinata o cartoncino mono/bipatinato stampato con tecnica mista, con alette
Sovraccoperta:  NO
Astuccio, custodia o cofanetto:  NO
Carta utilizzata (pagine interne):  Carta Patinata opaca
Piattaforma creativa:  La monografia intende spiegare il progetto per conto di Armando Dal Fabbro per la prima zona di Porto Marghera a Venezia. L’azienda Zintek ha lo scopo di effettuare un prodotto industriale in grado di adeguarsi alle richieste del mondo contemporaneo. Quello che viene messo in evidenza è la rigenerazione del progetto che grazie al professor Dal Fabbro si è potuto ricreare in chiave di innovazione e risanamento edilizio.
Descrizione dei contenuti:  L’opera raccoglie alcuni elaborati del professor Armando Dal Fabbro dall’anno 2006 al 2012 con particolare interesse per la riqualificazione di alcune aree non utilizzate e infatti parla di “progettare il costruito”; questo combacia con l’obiettivo finale del recupero edilizio
Descrizione formale della Monografia:  La monografia si presenta di medie dimensioni con un’immagine in copertina che descrive bene l’azienda Zintek. Le pagine interne sono patinate opache ricche di immagini di progetti. Non c’è una suddivisione in capitoli ma le pagine scritte sono sia in Italiano che in Inglese per avvicinare anche un pubblico europeo e non solo.
Luogo di conservazione:  Archivio OMI Verona