Numero: E019              
Azienda: Esercito Italiano Stato Maggiore              
Sede principale (Provincia): Roma              
website: http://www.esercito.difesa.it              
Settore: Pubblica Amministrazione e Istituzioni Pubbliche              
Marchio protagonista: Esercito Italiano Stato Maggiore              
Titolo Completo: Rapporto Esercito 2012. Army Report              
Anno di pubblicazione: 2013              
Lingua/e: Italiano e Inglese              
Numero di pagine: 272              
ArtDirector/Responsabile Editoriale/Curatore: Luigino Cerbo              
Agenzia/Studio Grafico/Editore: Marcello Ciriminna              
Copywriter/Redattore: Annarita Laurenzi, traduttore: Paolo Cappelli              
Ricerca storica e/o fotografica: Claudio Angelini              
Fotografo/i: n.d.              
Illustratore: Antonio Dosa              
Prestampa/Elaborazione Immagini: n.d.              
Stamperia: Imago Editrice s.r.l.              
Formato: 21×29              
Tipo di Confezione: Brossura con cucitura a filo refe              
Descrizione della copertina: Carta patinata o cartoncino mono/bipatinato stampato con tecnica mista e plastificato, senza alette
Sovraccoperta: NO              
Astuccio, custodia o cofanetto: NO              
Carta utilizzata (pagine interne): Carta Patinata opaca              
Piattaforma creativa: Monografia realizzata come supplemento al numero 2/2013 di “Rivista Militare”. Comprende un’analisi dell’anno 2012 presentando statistiche e responsi delle varie missioni.              
Descrizione dei contenuti: L’opera è divisibile in capitoli, vengono citai caduti e feriti in operazioni all’estero, vengono poi presentate le operazioni militari, le statistiche del 2012 e una previsione per il futuro. Grande spazio è dedicato a grafici e tabelle.              
Descrizione formale della Monografia: La copertina presenta due immagini, una di un soldato e una di un elicottero militare. Il testo è accompagnato da immagini e grafici esplicativi, inoltre viene proposta la traduzione in inglese. L’opera presenta anche un DVD.              
Luogo di conservazione: Archivio OMI