Numero:  D027
Azienda:  Dolci Colori S.r.l.
Provincia:  Verona
website:  www.dolcicolor.it
Categoria di appartenenza:  Edilizia, Architettura e Urbanistica – Prodotti, macchinari e utensili – Produzione/Commercializzazione
Titolo Completo:  Dolci – La fabbrica del colore 
Marchio protagonista dell’Opera:  Dolci Colori
Anno di pubblicazione:  2015
Lingua/e:  Italiano, Inglese
Numero di pagine:  72
Codice ISNB o ISSN: no
Art Director/Responsabile Editoriale/Curatore: n.d.
Agenzia/Studio Grafico:  Grafiche Aurora 
Copywriter, Redattore:  Davide Antolini
Ricerca storica e/o fotografica:  Archivio Bassotto 
Fotografo/i:  n.d.
Illustratore/i:  n.d.
Stamperia:  Grafiche Aurora 
Editore: Archivio Bassotto 
Formato (base x altezza) in cm.:  24,5 x 30
Tipo di Confezione:  Brossura con cucitura a filo refe
Descrizione della copertina:  Carta patinata o cartoncino mono/bipatinato stampato con tecnica mista e plastificato, con alette
Sovraccoperta:  NO
Astuccio, custodia o cofanetto:  NO
Carta per le pagine interne:  Carta naturale, uso mano o da editoria avorio
Piattaforma creativa:  Monografia formata dalle immagini dell’azienda Dolci, fotografie scattate da professionisti che rispecchiano la visione delle forme ed immagini del quotidiano di chi nella fabbrica ci lavora da tutta la vita. Oggetti, strumenti ed angoli di fabbrica rappresentati nella loro essenzialità. 
Descrizione dei contenuti:  La ditta Dolci fu fondata nel lontano 1910 da Arturo Dolci a Verona, ed è stata l’unica ad arrivare sino a noi come Industria di Terre Coloranti. Il figlio Mario è riuscito a continuare l’attività aziendale impegnandosi nel reperimento e nella selezione di materiali originali. Oggi i due figli di Mario, Alberto e Giuliano, si impegnano nella reinformazione e divulgazione delle tecniche tradizionali, sapendo allo stesso tempo interpretare le innovazioni tecnologiche in un clima di costante aggiornamento. 
Descrizione formale della monografia: Monografia breve ma densa di fotografie significative, professionali, artistiche, che rendono l’ambiente della fabbrica un luogo magico di creazione e creatività. 
Luogo di conservazione: Archivio OMI Verona