3° Premio assoluto al Premio OMI 2016

Numero: D022
Azienda: Delicius Rizzoli S.p.A.
Provincia della Sede principale: Parma
website: http://www.delicius.it
Categoria di appartenenza: Alimentari – Produzione/Distribuzione
Titolo Completo: Alice o Acciuga?
Marchio protagonista dell’Opera: Delicius
Anno di pubblicazione: 2015
Lingua/e: Italiano/Inglese
Numero di pagine: 192
Art Director/Responsabile Editoriale/Curatore: Dario Tagliabue
Agenzia/Studio Grafico/Editore: Mondadori Electa S.p.A.
Copywriter, Redattore: Irene Rizzoli
Ricerca storica e/o fotografica: Irene Rizzoli
Fotografo/i: Stefania Giorgi
Illustratore: N.D.
Prestampa/Elaborazione Immagini: Heartfelt
Stamperia: Elcograf S.p.A.
Formato (base x altezza) in cm.: 25 x 25
Tipo di Confezione: Brossura con cucitura a filo refe
Descrizione della copertina: Altro
Altro (descrizione copertina): Cartonato olandese con copertina stampata a 5 colori
Sovraccoperta: NO
Astuccio, custodia o cofanetto: NO
Carta per le pagine interne: Carta Patinata opaca
Piattaforma creativa: In occasione dei suoi primi 40 anni di attività, Delicius si è voltata a guardare la propria storia ed ha visto l’evoluzione di un vero e proprio distretto industriale che ha scelto elettivamente Parma come sede ideale per le lavorazioni, prima artigianali poi sempre più industriali, dell’acciuga – il pesce più povero e semplice – e del pomodoro, il frutto dei campi che più incarna il rosso dell’Italia sulle tavole. Di colpo, dall’asciutto racconto privato, si passa alla narrazione collettiva, fatta di episodi e di imprese, di tentativi e di successi. Una prospettiva che muove da anni lontanissimi, in cui il senso alimentare dell’acciuga è di fatto mitologico, per arrivare fino ai giorni nostri, in cui l’alice si carica di significato e può da sola rappresentare la cultura del mangiare italiano. Semplice ma sempre ricco di fantasia, di soluzioni gastronomiche piacevoli e, nel loro piccolo, geniali. Un vero passaporto di creatività.
Descrizione dei contenuti: La storia di questo pesce nasconde un percorso fatto di passione, di duro lavoro e di creatività: dalla pesca alla salatura, dalla conservazione all’inscatolamento, l’acciuga è il centro della storia di un’epoca di grande fermento imprenditoriale; unisce il mondo dei pescatori, l’antico mestiere degli acciugai e quello dell’industria; ed anche gli aspetti dell’evoluzione del design industriale. Il volume è completato da una ricca appendice di ricette che valorizzano la versatilità dell’acciuga. Un volume particolare, elegante, scandito dai racconti e da documentazioni, arricchito dalla storia famigliare dell’autrice. Una famiglia che dal 1892 ha contribuito a creare un vero e proprio distretto parmense delle conserve, in particolare di quelle ittiche, distretto che rappresenta una delle eccellenze italiane nel mondo. Un libro arricchito da meravigliose foto del pesce e del suo habitat, alternate ad altre che illustrano l’attività frenetica di Delicius, azienda leader nel settore.
Descrizione formale della Monografia: Volume di forma quadrata – ad evocare il forte segno geometrico del marchio Delicius – e di buona dimensione per meglio apprezzare la qualità iconografica delle immagini presenti. Finitura superficiale in vernice opaca per garantire profondità ai toni scuri, di contrasto alle vivide immagini dei semilavorati e prodotti finiti. I vari capitoli sono intercalati e ravvivati da fotografie scattate quasi sempre ad hoc per il libro stesso; questo crea forte relazione tra il contenuto testuale e quello visuale, arricchendo e facilitandone la piena comprensione.
Luogo di conservazione:

Archivio OMI Verona e Sapienza/CoRiS Archivio OMI Roma