Numero: A043              
Azienda: Associazione Soci Dipendenti Pensionati della Banca Popolare di Milano              
Sede principale (Provincia): Milano              
website: http://www.assopensionati-bpm.it/              
Settore: Finanza – Organizzazione/Gestione/Servizi              
Marchio protagonista: BPM – Banca Popolare di Milano              
Titolo Completo: Storia insolita della Banca Popolare di Milano (1939 – 1965: dalla vigilia di guerra al Centenario)              
Anno di pubblicazione: 1999              
Lingua/e: Italiano              
Numero di pagine: 192              
ArtDirector/Responsabile Editoriale/Curatore: Angelo Fedegari              
Agenzia/Studio Grafico/Editore: Edizioni Eupalino srl – Milano              
Copywriter/Redattore: N.D.              
Ricerca storica e/o fotografica: N.D.              
Fotografo/i: N.D.              
Illustratore: N.D.              
Prestampa/Elaborazione Immagini: N.D.              
Stamperia: Poligrafiche Bolis spa – Bergamo              
Formato: 17x24cm              
Tipo di Confezione: Brossura con cucitura a filo refe              
Descrizione della copertina: Cartonata, rivestita in tessuto o in carta operata con stampa serigrafica o a caldo e sovraccoperta
Sovraccoperta: SI              
Astuccio, custodia o cofanetto: NO              
Carta utilizzata (pagine interne): Carta Patinata opaca              
Piattaforma creativa: Il libro, edito alla vigilia del Nuovo Millennio, racconta 26 anni della Banca Popolare di Milano, dal 1939 al 1965, data del suo primo centenario. La storia è narrata attraverso vicende inedite raccolte da Angelo Fedegari, ex dipendente della BPM.              
Descrizione dei contenuti: L’opera si struttura in 26 brevi capitoli (uno per anno) più un’appendice dedicata alle cifre significative e alle cariche sociali.              
Descrizione formale della Monografia: Il testo di Fedegari è corredato da fotografie e immagini d’epoca. La veste editoriale è semplice senza particolari escursioni creative.              
Luogo di conservazione: Archivio OMI