Numero: A029
Azienda: A2A Spa Fondazione AEM
Sede principale (Provincia): Milano
website: www.fondazioneaem.it
Settore: Energia – Produzione/Distribuzione
Marchio protagonista:: Fondazione AEM
Titolo Completo: Signori Azionisti
Anno di pubblicazione: 2011
Lingua/e: Italiano
Numero di pagine: 136
ArtDirector/Responsabile Editoriale/Curatore: Biagio Longo
Agenzia/Studio Grafico/Editore: ap&b, Milano
Copywriter/Redattore: N.D.
Ricerca storica e/o fotografica: N.D.
Fotografo/i: Archivio storico di Fondazione AEM
Illustratore: N.D.
Prestampa/Elaborazione Immagini: N.D.
Stamperia: Arti Grafiche Colombo
Formato: 21 x 29,5
Tipo di Confezione: Brossura con cucitura a filo refe
Descrizione della copertina: In cartoncino operato/speciale stampato con tecnica mista, senza alette
Sovraccoperta: NO
Astuccio, custodia o cofanetto: NO
Carta utilizzata (pagine interne): Carta Patinata lucida
Piattaforma creativa: Il motivo della realizzazione di questo volume è racchiudere le “lettere agli azionisti”, firmate da Giuliano Zuccoli negli oltre 15 anni di guida della società energetica municipale di Milano. A questa raccolta sono stati aggiunti solo alcuni degli innumerevoli articoli che offrono una visuale dall’esterno; inoltre, sono presenti pochi ma significativi interventi che approfondiscono alcuni passaggi storici. Nella continuità delle tre, quattro fasi di sviluppo che hanno caratterizzato i cent’anni di AEM, l’ultimo quindicennio è la testimonianza di una crescita a livello nazionale e internazionale. In questa trasformazione, la AEM ha saputo realizzare progetti innovativi per la città assicurando al Comune di Milano, suo azionista di riferimento, risorse finanziare cospicue.
Descrizione dei contenuti: Lungo i cento anni della Azienda Elettrica Municipale di Milano, gli storici individuano tre periodi fondamentali: quello della nascita, quello a cavallo della seconda guerra mondiale, e l’ultimo ventennio iniziato nei primi anni ’90. La legge Giolitti del 1903 aveva trovato nella firma dell’Azienda Municipale la soluzione migliore per organizzare la produzione e la gestione dell’energia elettrica. Milano aveva scelto l’elettricità per l’illuminazione, ma anche per tutta la mobilità pubblica, con l’adozione del sistema tranviario. Di fronte alle offerte del gruppo privato Comitato Edison, la città fece la scelta di costruirsi i propri impianti di produzione e di costituire una sua società, l’Azienda Elettrica Municipale.
Descrizione formale della Monografia: La monografia si presenta di medie dimensioni. La copertina ha uno sfondo bianco, su cui, nella parte bassa, si trova il titolo. Queste scelte le conferiscono sobrietà ed eleganza. All’interno, le lettere sono alternate a fotografie, che rappresentano il mondo dell’Azienda.
Luogo di conservazione: Archivio OMI Verona