web analytics

Iscriviti alla Newsletter dell’Osservatorio

Ricevi gratuitamente la Newsletter dell'Osservatorio

banner

Canavese

Un Gioiello di Tornio - Il Mondo Canavese

Canavese 2017-08-17T17:29:03+00:00

Dettagli

Numero: C056
Azienda: Canavese
Sede principale (Provincia): Cremona
website: /
Settore: Macchine, Utensili e Prodotti per Industria e Artigianato – Costruzione/Distribuzione
Marchio protagonista:: Canavese
Titolo Completo: Un Gioiello di Tornio – Il Mondo Canavese
Anno di pubblicazione: 2012
Lingua/e: Italiano
Numero di pagine: 262
ArtDirector/Responsabile Editoriale/Curatore: Anna Maria Zambelli
Agenzia/Studio Grafico/Editore: Davide Severgnini
Copywriter/Redattore: N.D.
Ricerca storica e/o fotografica: N.D.
Fotografo/i: Walter Bianchessi
Illustratore: N.D.
Prestampa/Elaborazione Immagini: N.D.
Stamperia: Tipografia Trezzi, Crema
Formato: 17×24
Tipo di Confezione: Brossura con cucitura a filo refe
Descrizione della copertina: In cartoncino operato/speciale stampato con tecnica mista, con alette
Sovraccoperta: NO
Astuccio, custodia o cofanetto: NO
Carta utilizzata (pagine interne): Carta Patinata opaca
Piattaforma creativa: Un libro voluto fortemente da ex dipendenti dell’azienda Canavese di Crema. Un libro e un video che affermano l’importanza del lavoro come valore personale e civico. La traccia di una competenza alta, acquisita in un gruppo aziendale coeso e innovativo, rimasta nel territorio attraverso nuove aziende obbligate al confronto con un mercato internazionale e di conseguenza alla ricerca e all’innovazione.
Descrizione dei contenuti: L’azienda, fondata da Giovanni Canavese e trasferita a Crema nel 1943, passò in mano al figlio Luciano già a 19 anni. Dopo qualche anno l’azienda produsse l’alesatrice “La Canavese, per i cilindri della Topolino, prima utilitaria Fiat e in seguito vi furono prestigiose collaborazioni con altre grandi case automobilistiche, come Ferrari e Ford.
Descrizione formale della Monografia: La Monografia è abbastanza voluminosa, dimensione giustificata dalla mole di aneddoti e lasciti, oltre che dalle vicende dell’azienda stessa, come la crisi post bellica nel 47, le migliorie nella produzione di torni o l’evoluzione delle ragioni sociali dalla fondazione ad oggi. Nel complesso si presenta come un bel volume, molto curato nei particolari e con un documentario in CD in allegato.
Luogo di conservazione: Archivio OMI