web analytics

Per ricevere la nostra Newsletter compila questo campo:

banner

banner

Monografia d’Impresa e Storia d’Impresa: vedere da dentro, vedere da fuori

Le multiformi facce delle realtà in un dipinto di Rob Gonsalves

“… Ogni pensatore profondo teme più di venire capito che di essere frainteso …”
[Friedrich Nietzsche]

Proprio perchè sono un pensatore tutt’altro che profondo cercherò un chiarimento su una confusione terminologica interna al tema dell’Heritage Marketing. Lo farò sviluppando un ragionamento sulle molteplici definizioni che aleggiano attorno allo specifico oggetto di ricerca del nostro Osservatorio e che è stato da noi identificato come  “Monografia Istituzionale d’Impresa”.

Partirei e procederei, per illustrare il mio punto di vista, da alcuni stralci della definizione di Monografia d’Impresa data da Mario Magagnino, nel corso dell’evento “Il valore dell’Uomo nel racconto d’azienda” il 28 maggio 2013 a Riva del Garda: “… La Monografia Istituzionale d’Impresa … è il racconto del vissuto di tutti gli attori dell’Azienda dal momento in cui essa si istituzionalizza collocandosi nell’organismo sociale … strumento importante per la validazione della storia e della reputazione dell’Azienda nell’ambito della propria Comunicazione d’Impresa …”

Da questa definizione si evince quindi che la Monografia d’Impresa:

  1. è uno strumento di comunicazione,
  2. è uno strumento autoreferenziale che può, anche se non necessariamente, sfociare nell’apologia,
  3. è, quindi, uno strumento che rappresenta l’organizzazione secondo ciò che essa stessa vuole apparire all’esterno.
    In questa sede mi preme inoltre sottolineare ulteriori due aspetti, tra i molti contemplati dalla nostra definizione:
  4. un’azienda o ente nella sua monografia istituzionale, narrando il suo passato ed il suo presente tratteggia anche i suoi progetti futuri,
  5. ogni Monografia d’Impresa ha la peculiarità di rappresentare “fisiologicamente” il suo tempo con l’adozione di strategie narrative che coinvolgono sia il copywriting che il graphic design. D’altronde il marketing operativo stesso segue le mode, tanto che lo stesso Kotler sembra ormai aver esaurito le lettere dell’alfabeto nel classificare le sue teorie.

Differenze tra Monografia Istituzionale d’Impresa e Storia d’Impresa

  1. Una Monografia d’Impresa è un’opera autoreferenziale, scritta o commissionata a favore dall’azienda o ente che ne è protagonista.
    A1. Una Storia d’Impresa è un’opera scientifico-descrittiva la cui stesura è curata da studiosi estranei alla vita dell’azienda o ente che ne è protagonista ed in un contesto di assenza di conflitti di interesse con esso.
  2. In una Monografia d’Impresa la stesura è fortemente influenzata dalla filosofia imprenditoriale dell’azienda o ente protagonista dell’opera, oltre che dalle tendenze del periodo e del settore nei quali viene realizzata.
    B1. Una Storia d’Impresa segue, per grandi filoni, un criterio di raccolta delle fonti e di esposizione dei contenuti che li renda comparabili con quelli di opere analoghe.
  3. Una Monografia d’Impresa, in quanto strumento di comunicazione, tende ad enfatizzarne anche emotivamente i risvolti che il marketing vuole si conoscano e a tacerne altri che l’azienda o l’ente non desidera evidenziare.
    C1. Una Storia d’Impresa in quanto strumento di analisi scientifica deve essere realizzata con ottica neutrale, e quindi quanto più possibile oggettiva, rispetto a positività e negatività rilevate.
  4. Una Monografia d’Impresa oltre a condividere il passato e il presente dell’azienda ne delinea, implicitamente o esplicitamente, anche il futuro.
    D1. Una Storia d’Impresa non ha questa funzione di promessa del futuro.

In conclusione
Tra Monografia e Storia d’Impresa non vi sono quindi differenze valoriali che le possano far mettere sui piatti della stessa bilancia al fine di determinare il maggior valore di questa o quella, ma semplicemente diversità tipologiche, funzionali e di fruizione che le rendono incomparabili l’una con l’altra.
Ciò detto non va dimenticato che nonostante sia assolutamente corretto valorizzare ex post, con operazioni di marketing, i contenuti di una Storia d’Impresa questa ipotesi non potrà mai essere presa in considerazione ex ante. Cioè non può esservi, quantomeno a mio avviso, l’idea preventiva di creare un documento scientifico a fini di marketing; ne distorcerebbe i presupposti e la scientificità stessa.
In alternativa, il lavoro di “riordino archivistico” dei reperti dell’organizzazione non sarà la base per una scientifica Storia d’Impresa bensì una meritoria salvaguardia di memoria e una “raccolta di materia prima” che il marketing aziendale metterà a frutto per realizzare opere autoreferenziali di Heritage quali monografie, musei d’impresa, percorsi tematici virtuali, ecc.

Stefano Russo

2018-12-07T15:44:31+00:00 dicembre 6th, 2018|0 Comments

Scrivi un commento