web analytics

Terra e buoi dei paesi tuoi. Lentamente.

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
terre e buoi 400

Clicca per ingrandire

Responsabilità Sociale d’Impresa e Fabbrica lenta.
Questi gli ingredienti dell’incontro che si terrà a Valdagno il 5 ottobre 2017.
A parlarne fra loro e con il pubblico, coordinati dalla giornalista Nicoletta Martelletto, saranno l’economista e saggista Marco Magnani, autore del libro “Terra e buoi dei paesi tuoi” (UTET)  e Giovanni Bonotto, direttore creativo della storica tessitura Bonotto di Molvena e ideatore del concetto di “Fabbrica Lenta”.
Magnani é convinto sostenitore che, nonostante i cambiamenti epocali che sanno di globalizzazione spesso fraintesa e digitalizzazione spesso incompresa, il territorio é il riferimento e la leva della competitività delle imprese italiane.
Occuparsi del sociale e quindi di persone, ambiente, cultura, solidarietà non é filantropismo buonista ma sana forma di egoismo lungimirante perché solo così impresa e territorio crescono insieme in modo virtuoso e sostenibile.
Per un “Nuovo Rinascimento”.
Bonotto, dal suo canto, ha ri-trovato la dimensione umana del lavoro e i suoi esclusivi tessuti nascono da un sistema produttivo che ribalta i moderni concetti di produzione e nella quale a ogni telaio corrisponde un solo operaio.

Valdagno 5 ottobre 2017 – ore 20,30 – Palazzo Festari, corso Italia 63.
Per approfondimenti e info: www.guanxinet.it

Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

One thought on “Terra e buoi dei paesi tuoi. Lentamente.

  1. toni on 27 settembre 2017

    mi piace parecchio questa sana forma di egoismo lungimirante

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>