web analytics

La fabbrica del colore: a Verona, dal 1910, si producono emozioni

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Anche Verona ha il suo quartiere bohemien, il suo Marais: Veronetta.
Vecchie case e nobili palazzi affaticati, ormai abituati all’eclettica popolazione che anima le vie: universitari con gli occhi fissi sul cellulare e i pantaloni con il risvoltino, anziani che portano a spasso cagnolini più sbilenchi di loro, teste rasta, matrone ghanesi col figlio sulla schiena, minuti filippini indaffarati, artisti, professori, artigiani e perditempo.
Anche le botteghe sono particolari: osterie, bar e ristorantini bio/vegan si inframezzano a odorosi negozi di cibi etnici, copisterie che offrono pacchetti di “fotocopie, caffé e brioche” a prezzo fisso, librerie e rivendite di libri e vestiti usati, parrucchieri low cost….
dolci-1E in via Cantarane, in un cortile poco visibile dalla strada e praticamente accoccolato contro le mura di cinta della maestosa Provianda di Santa Marta, c’é il laboratorio di un’impresa familiare che da ben centoesette anni, lavorando terre colorate e altri materiali naturali, produce una gamma infinita di pigmenti colorati per l’arte, il restauro, l’industria e l’edilizia. 
Come spesso capita, Dolci Colori (perché é così che si chiama la fabbrica del colore) é più conosciuta all’estero che sul patrio suolo: gli artisti australiani, americani o tedeschi sanno che, se vogliono colori eccellenti e naturali, devono rivolgersi a Giacomo, Alberto e Andrea Dolci. Addirittura in Francia si sono meritati l’appellativo di Magiciens des couleurs (Maghi del colore).
Io che non dipingo, non mi occupo di restauro o architettura, ma sono di Verona e la zona la bazzico perché la sede dell’Osservatorio, nel Polo Didattico Zanotto, é lì a due passi, ho saputo della loro esistenza per caso alcuni anni fa, scorrendo il  Registro delle Imprese Storiche  Italiane di Unioncamere.dolci-4
A fine gennaio, sollecitata da una comune amica, sono andata a scoprire questa realtà e ho conosciuto Giacomo e Andrea Dolci.
Appassionati del loro lavoro e affabili di natura, mi hanno raccontato della loro vita dedicata al colore, alla continua ricerca di materie prime, dei loro rapporti con artisti e architetti di tutto il mondo, della loro sfida per produrre colori sempre più eco-compatibili.
Quasi timidamente mi hanno affidato, perché vengano annoverate dell’Archivio dell’Osservatorio alcune monografie sulla loro azienda che, a partire dadolci-2
Sacchi su sacchi pieni di sfumature incredibili, macine di pietra rese irreali dai depositi coloratissimi, pareti usate come tavolozze per controllare la resa delle pitture da restauro, file e file di barattoli e provette di vetro con i pigmenti ordinati in progressione cromatica.
Congedarmi e uscire mi ha fatto sentire un po’ come Alice che lascia il paese delle meraviglie.
La strada, il cielo e i palazzi mi sono sembrati particolarmente anemici ma, incamminandomi verso l’Osservatorio con il mio pacco di monografie sotto il braccio, ho realizzato che, ancora una volta, il genio, la creatività e l’entusiasmo della piccola impresa italiana restano nel DNA di chi, alla faccia della crisi e dei problemi, continua a crederci.

Tiziana Sartori

 

Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>