web analytics

Iscriviti alla Newsletter dell’Osservatorio

Per ricevere la nostra Newsletter:

banner

Intervista al Direttore Generale di Assocarta: niente contro il digitale, però…

Massimo_MedugnoHo rivolto alcune domande al dottor Massimo Medugno, Direttore Generale di Assocarta, associazione confindustriale che cura gli interessi dell’industria cartaria italiana.

Dottor Medugno, è insistente il confronto tra messaggio su carta e trasmissione digitale.  Si parla molto di paperless, soprattutto per quel che riguarda il rapporto tra istituzioni e utenti.
Come si pone Assocarta in questo dibattito?
Assocarta crede profondamente  nell’integrazione tra carta e digitale e monitora le campagne istituzionali “paperless”.
A questo proposito usare il termine “paperless” già appare scorretto.  Infatti la carta ha una sua valenza ecologica intrinseca in quanto prodotto rinnovabile e riciclabile, mentre anche il digitale ha un impatto ambientale.
E’ importante che queste campagne non sconfinino nel territorio del greenwashing  o addirittura nella pubblicità ingannevole e comparativa illecita a danno delle imprese, in quanto molto spesso citano dati senza precisarne la fonte.
Come Assocarta dal 2009 siamo il capofila di un progetto che abbraccia tutta la filiera della comunicazione su carta – TwoSides, Il lato verde della carta – che ha l’obiettivo di comunicare la sostenibilità dei prodotti cartacei sulla base di dati scientifici autorevole e riconosciuti, come quelli della FAO ad esempio.
Relativamente al settore dell’industria cartaria che é alla base del nostro oggetto di studio, ovvero la carta da stampa ed editoria, c’è chi sostiene che gli e-book manderanno in soffitta i libri di carta.

Ma é la stessa cosa leggere sulla carta o su un tablet?
WpostSecondo una ricerca del Washington Post condotta a settembre  2014 soltanto il 9% degli studenti universitari americani si affida agli e-book e i nativi digitali preferiscono leggere e studiare sul libro di testo tradizionale, quello inventato da Gutenberg e da Manuzio, piuttosto che passare ore davanti a uno schermo.
Il libro cartaceo sembrerebbe quindi più “navigabile” dell’e-book. Una sorta di “slow reading” la lettura dei nostri figli come lo è stata quella dei nostri genitori e anche la nostra.
Una lettura lenta e proficua che facilita la riflessione e la memorizzazione, quella di cui parla uno studioso come David Mikics, che suggerisce nel suo libro “Slow reading. Leggere con lentezza nell’epoca della fretta” Editore Garzanti, alcune regole (d’oro) per mettere in pratica questo “slow reading”  e ritrovare il tempo perduto.
Anche nell’enciclica Laudato si’ si afferma che troppi media e digitale soffocano la “sapienza” (par. 47).
A proposito di tempo perduto non so se riuscirei, come lettore, a leggere la “A la Recherche du temps perdu” di Proust versione e-book. Certo non è una lettura obbligatoria soprattutto in un Paese come il nostro dove i lettori di quotidiani e libri sono davvero troppo pochi: siamo il fanalino di coda dell’Europa.
Molti anche tra i laureati non leggono nemmeno un libro all’anno. Per questo in più di una occasione istituzionale, sia come Assocarta che come Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, abbiamo fatto presente al Governo una proposta di bonus lettura per i più giovani per invitarli a leggere.
Una misura per i giovani tra 18 e 25 anni, per acquistare libri giornali riviste pagando solo il 25% del prezzo mentre il 75% verrebbe pagato dallo Stato fino a un contributo di 100 euro a testa.

Le cartiere e Assocarta, dal punto di vista della comunicazione, come ripagano quello che viene definito “il debito con la natura” derivato dall’uso del legno per la produzione di cellulosa?
Ogni uomo è in debito con la natura, quando ne usa le risorse. Ma l’industria cartaria ha dei buoni fondamentali ed è orgogliosa di produrre carta perché basa la sua produzione su di un materiale naturale, rinnovabile, riciclabile (ed effettivamente riciclato).
Altre filiere, spesso nostri competitori, stanno percorrendo la strada di utilizzare in maniera sempre più estesa biomolecole e fibre vegetali spesso alla ricerca di aiuti ed incentivi.
La Filiera cartaria si prende cura dei propri prodotti, con un tasso di raccolta di oltre il 62% di carta da riciclare e un tasso di utilizzo della stessa di oltre il 54%.
In Europa un giornale  avviato al riciclo torna in produzione in 7 giorni, una scatola in cartone ondulato  in 14 giorni (fonte ERPC). La scarsa disponibilità di risorse forestali nel nostro Paese ha portato l’industria cartaria italiana a sviluppare tra i primi una rilevante capacità produttiva basata sull’impiego della carta da riciclare, da diversi anni, infatti, la carta da riciclare rappresenta la prima fonte di fibre per i prodotti cartari italiani.

Con gli anni i processi e le tecnologie si sono sviluppati al fine di ottimizzare l’impiego delle fibre di riciclo rese disponibili dai sistemi di raccolta e selezione.
Inoltre, il 75% degli impianti ha certificazioni ambientali e molti prodotti hanno certificazioni di prodotti.
Da 16 anni affianchiamo ai consueti report economici un rapporto ambientale: siamo stati fra i primi a farlo.
Quanto ai confronti con il digitale, in termini di emissioni di CO2, il consumo di carta di ogni italiano corrisponde a 700 km in auto: meno della distanza tra Roma e Bressanone in Alto Adige. 

Tiziana Sartori

Who’sWho
Massimo Medugno, Avvocato, Direttore Generale di Assocarta (Associazione Nazionale degli Industriali della Carta, Cartoni e Paste per Carta – Assocarta) è stato a lungo responsabile dell’Area Ambiente, Sicurezza e Carte per Alimenti. Cura i rapporti con Istituzioni, Amministrazioni, Organizzazioni nazionali ed internazionali. Partecipa alle attività di CEPI (confederazione dell’industria cartaria europea), come componente dell’Assemblea dei Direttori (ADG) e  della Commissione Recycling e dei gruppi di lavoro “Legislation” e “Waste definition”. Componente della Commissione Sviluppo Sostenibile di Confindustria. Ha partecipato in rappresentanza del Ministero dell’ambiente italiano al TWG (Technical Working Group) per le migliori tecniche disponibili per il settore “Pulp & Paper. Componente del Gruppo Tecnico Ristretto presso l’Agenzia Nazionale per la Protezione Ambientale. Coordina le attività del Tavolo della Filiera della carta, stampa e editoria. Ha pubblicato diversi articoli in materia di ambiente, in particolare sulla tematica dei  rifiuti, degli imballaggi e sulla Direttiva IPPC.

AssocartaLogo traAssocarta Associazione Nazionale fra gli Industriali della Carta, Cartoni e Paste per Carta, venne fondata l’11 maggio del 1888 con l’obiettivo di “tutelare l’industria e il commercio cartaceo italiano”.
L’associazione, aderente a Confindustria, ha oggi lo scopo di coordinare e promuovere gli interessi di ogni settore dell’industria cartaria in cui operino le imprese associate, e di tutelarli sia a livello nazionale che europeo attraverso CEPI, la Confederazione Europea dell’Industria Cartaria (
www.cepi.org), di cui è socio fondatore.

I soci di Assocarta coprono oltre l’85% della produzione italiana del settore che è composto da 122 imprese, per un totale di 154 stabilimenti e circa 19.500  addetti diretti e altrettanti nell’indotto (dati 2014).
L’industria cartaria italiana si posiziona al quarto posto a livello europeo, dopo Germania, Svezia e Finlandia, con una produzione di carte e cartoni di 8,6 milioni di tonnellate realizzate nel 2014. Il fatturato complessivo è stato di oltre 6,7 miliardi di Euro, proveniente per il 54% da esportazioni, dirette in larga parte verso i mercati europei. www.assocarta.it

 

2015-07-14T17:00:03+00:00 luglio 13th, 2015|0 Comments

Scrivi un commento