web analytics

Gli Umarells e il fascino discreto dei cantieri.

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

umarellsGli Umarells li conosciamo tutti, perchè sono dappertutto, anche se non sappiamo come si chiamano.
Tengono le braccia unite dietro la schiena, spesso un cappello, un baschetto, un berrettino in testa e, sempre, un bel numero di “anta” sulle spalle.

E guardano i lavori nei cantieri.
Da soli, a coppie o in piccoli gruppi assistono – con occhio critico e senza risparmiare commenti e consigli – alle operazioni di ruspe, martelli pneumatici e betoniere.
Il nome viene dal dialetto bolognese “umarell”che significa “omino”. Gli Umarells sono gli Omini Ghe Guardano i Cantieri.
Sono pensionati che – dopo aver lavorato una vita – trascorrono il loro tempo guardando gli altri lavorare. E’ un modo per uscire di casa, vivere la strada, incontrarsi con gli altri, riempire le giornate insomma.
Essere Umarell è impegnativo. Come fare quando un cantiere finisce i lavori? Dove ritrovare i “colleghi” con i quali si é per giorni commentato l’operato del ruspista?
Per fortuna gli Umarells sono tanti e la società, la  tecnologia, il marketing si sono accorti di loro e loro si sono accorti della tecnologia e del marketing.

C’è un App che geolocalizza tutti i cantieri d’Italia, così gli Umarells possono pianificare le loro visite;
A Bologna è stata creata la Umarell Card dà loro diritto di seguire, da molto vicino, i lavori di restauro della Basilica di San Petronio, (della Card esiste anche la versione femminile per la terribile moglie dell’Umarell: l’Arzdåura).
 C’è un blog tutto per loro e su di loro sono stati scritti articoli e addirittura un libro, é stato istituito un premio.

Si è accorta di loro anche la catena di fastfood Burger King che – per realizzare un video dedicato all’apertura di nuovi locali  – li voluti come protagonisti. Un racconto che trasmette la pacata autoironia degli Umarells da un lato e la rispettosa tenerezza di chi stava dietro la macchina da presa. Un buon esempio di una buona idea realizzata bene,

 Tiziana Sartori

Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

2 thoughts on “Gli Umarells e il fascino discreto dei cantieri.

  1. Alex Merseburger on 17 maggio 2016

    Di qualche mese orsono la notizia radiofonica che a Torino, in occasione di un grosso cantiere pubblico, il sindaco Fassino ha provveduto a far installare delle panchine per permettere agli Umarells locali di assistere e commentare i lavori con maggior comodità.
    BRAVO SINDACO!!!
    alex

    Reply
    • Tiziana Sartori on 17 maggio 2016

      Grazie per l’informazione e per seguirci sempre con graditissima attenzione, Dottor Merseburger!
      Gli Umarells torinesi apprezzeranno sicuramente le panchine del Sindaco.
      Come sempre, basta poco.

      Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>