web analytics

Iscriviti alla Newsletter dell’Osservatorio

Ricevi gratuitamente la Newsletter dell'Osservatorio

banner

Comunicazione pubblica e nuove tecnologie, a Verona incontro con Alessandro Papini

Data, luogo dell’evento: Mercoledì 3 dicembre 2014, ore 10. Polo Zanotto dell’Università degli Studi di Verona, Aula T3. Ingresso libero.

Comunicazione pubblicaL’Università degli Studi di Verona e l’Osservatorio Monografie Istituzionali d’Impresa organizzano un incontro con Alessandro Papini  autore del libro: Post-comunicazione. Istituzioni, società e immagine pubblica nell’età delle reti.

Introdotto dal  presidente dell’Osservatorio e docente di Comunicazione d’Impresa all’Università di Verona e allo IUSVE Mario Magagnino, Papini, docente di Comunicazione e New Media allo IULM di Milano, forte anche della sua pregressa esperienza come direttore della comunicazione e delle relazioni internazionali della Provincia di Milano, analizzerà la cosiddetta “post-comunicazione” di enti e apparati pubblici, paradigma assoluto ed esemplare delle problematiche di gestione del dialogo B2c.

La post-comunicazione è quell’insieme di superfici comunicative e ambienti di interazione generati dalle nuove tecnologie, che sta oggi diventando il moderno paradigma relazionale verso cui individui e società moderne adeguano comportamenti e stili di vita.

Tutti siamo digitali e organizziamo la nostra vita permeati dai nuovi media.

Così non è per le istituzioni e gli apparati pubblici che, al contrario, per la natura stessa che assume il potere burocratico, tendono a opporre resistenza al cambiamento.

Se la crisi che la comunicazione pubblica sta attraversando è così profonda, è perché essa non mette in questione soltanto la legalità della funzione, ossia il campo delle regole che ne definiscono l’esercizio, ma anche la sua legittimità nel rappresentare l’immagine pubblica del Paese.

Finito il tempo dello Stato-nazione come unità di misura dei processi comunicativi, un nuovo ruolo attende oggi la comunicazione pubblica.

L’approccio post-comunicativo spoglia di responsabilità l’apparato pubblico per orientarsi al raccordo con una società civile mediatizzata, globale e autonoma nelle auto-rappresentazioni.

2014-12-05T15:10:26+00:00 novembre 14th, 2014|0 Comments

Scrivi un commento