web analytics

Iscriviti alla Newsletter dell’Osservatorio

Per ricevere la nostra Newsletter:

banner

A proposito di racconto d’azienda: oggi parliamo de Les Hénokiens.

Logo les HénokiensLes Hénokiens: il club di imprese più esclusivo al mondo. Forse non è molto conosciuto, ma è un vero baluardo a difesa dei valori che legano le imprese alle famiglie che le hanno fondate e al territorio che le ospita.

Cosa o chi sono
Il nome deriva da quello del patriarca biblico Henok, vissuto 365 anni. E già questo è un indizio.
Il Club raccoglie aziende bicentenarie che, nel corso degli anni, sono rimaste legate alla famiglia che le ha fondate e ai loro territori d’origine.
Les Hénokiens attualmente sono 36: 12 italiani, 11 francesi, 3 tedeschi, 2 olandesi, 5 giapponesi, 1 belga, e 2 svizzeri. E dai numeri si vede che l’eccellenza nasce  – da sempre – in Italia.
Ad oggi, nell’esclusivo circolo,  rimangono liberi solo 4 posti: infatti il club prevede solo 40 società socie. Un’élite, quasi un empireo per dei marchi  – magari non conosciutissimi – ma che rappresentano un valore culturale inestimabile.

Che obiettivo si pongono Les Hénokiens?
Esaltare il valore delle aziende familiari viste come una reale alternativa alle multinazionali e creare un buon rapporto e una sincera amicizia tra tutte le società bicentenarie, dimostrando così come tradizione e dinamismo possano essere un binomio perfetto.
Se non è innovazione questa!Alla faccia di tutte le App del mondo è di tutte le realtà aumentate svendute in pallets!
Questa è un’innovazione che si chiama Amore. Uno strumento di marketing che, precedendo di un paio di secoli le teorie di Kotler, le comprende tutte, e anzi, se le mangia in un boccone.

Parleremo ancora di questa preziosità.
Anche perché il nostro project manager Mario Magagnino, intrattiene cordiali rapporti epistolari con due gentili signore: Pina e Margherita Amarelli, a cui fa capo l’omonima Azienda ed il cui cognome evoca la liquirizia migliore al mondo, quella di Calabria, nera e intensa come gli occhi della sua gente.
E parleremo del Museo Amarelli, e metteremo a disposizione di chi vorrà leggerla, la storia di questa affascinante famiglia/impresa italiana.

2013-01-23T16:35:05+00:00 gennaio 23rd, 2013|1 Comment

Un commento

  1. Toni 30 gennaio 2013 al 21:45 - Rispondi

    Mi piace molto questa attaccamento al proprio territorio che poi da origine a queste becentennarie aziende di tutto rispetto. Mi chiedo perchè solo 40 posone essere gli affiliati a questa associazione.

Scrivi un commento